sp 1

Pompei, tour e curiosità di una grande civiltà

Marito con incarico di fare la spesa, la moglie a farsi bella, cani a guardia della casa, passaggi pedonali e pietre catarifrangenti sulle strade. Vi chiederete di chi e cosa sto parlando?


Oggi ti porto agli scavi di Pompei in provincia di Salerno e dei pompeiani, civiltà esistita oltre 2000 anni fa, la cui vita si è fermata nel  79 d.C, e talmente evoluta da essere stata precursore di molte invenzioni e abitudini nella vita moderna.  Grazie all'iniziativa del ministro del turismo Franceschini, ogni prima domenica del mese, diversi musei sono visitabili in modo gratuito.. Arrivata di prima mattina e con il sole a picco eccomi passeggiare tra i rioni e piazze...

#news, #viaggi, Campania, escursioni in un giorno, #museigratis, Scavi di Pompei, #Unesco,

Amo esplorare luoghi storici dove la storia è impressa sulle pietre, su pareti dipinte, architravi, mosaici e ogni cosa che appartiene ad un altra epoca. Grazie all'opportunità di poter visitare gratis alcuni musei, ho cominciato la mia esplorazione di Pompei, i cui scavi sono situati in Campania, provincia di Napoli. Mi si è aperto un nuovo mondo, ricco di eterogeneità, bellezza e modernissimo sotto molto aspetti.

Bottega
Mi sono unita ad un gruppo capitanato da un professore universitario che ha descritto in modo meraviglioso la vita come si svolgeva a quell'epoca.
Ci credereste che esistevano più botteghe che case? 
Ben 870 negozi e esercizi pubblici e circa 800 case.
I pompeiani avevano un intensa vita pubblica, tra fare la spesa al mercato ( Incarico di cui si occupava solo il marito accompagnati da servi), alle terme divise per sesso.

Gli scavi di Pompei è uno dei pochi sito archeologici al mondo dentro il quale il visitatore può sentirsi cittadino romano e camminare in un centro abitato.  Ogni cosa è ferma all'epoca 79 d.C, quando il Vesuvio decise di seppellirlo insieme a centri limitrofi come Ercolano.

La sepoltura di 6 metri di lapilli e cenere è stata in grado di preservarne l'integrità. tantissime case ed oggetti di uso comune furono sigillati e fermati dal tempo e dall'usura. Cementandosi attorno ai corpi investiti, ne hanno conservato l'impronta tale da poter vedere gli  atteggiamenti assunti a seguito di brevi ma atroci agonie.

L'anfiteatro di Pompei
Le attività "ludiche" si svolgevano all'estrema periferia nell'Anfiteatro e nella Palestra Grande. 
FORO
Inizialmente Pompei era abitata solo nella zona dove attualmente si trova il foro, si estese successivamente assumendo l'impianto ad isolati rettangolari (insulae) ancora visibile.

Circondato da un portico e dominato dal tempio di Giove, costituisce il cuore della città, il suo centro politico, amministrativo e commerciale.

Passaggio pedonale
Come si può notare le vie cittadine avevano marciapiedi molto alti e per attraversarle erano posizionati grossi massi , a intervalli regolari, nel mezzo potevano passare le ruote dei carri.

La distanza da una ruota ad un altra ha determinato la larghezza delle rotaie  della prima circumvesuviana a Napoli.

Di sera i servi avevano l'incarico di aprire l'acquedotto e far scorrere l'acqua per le strade tale da poterle lavare da escrementi che si accumulavano durante il giorno.

Tra i sassi della strada spiccavano delle piccole pietre bianche che si illuminavano debolmente alla luce della luna per permettere il lavoro di pulizia.


Diverse fontane erano posizionate alle crocevie



Un albergo a Pompei di un piano dove le stanza misuravano appena 1,30 per 2,50 con letto in pietra

Ingresso di una casa
TERME CITTADINE

Sono visibili il gradino e una piattaforma dove si sedevano attorno e passavano il tempo chiacchierando. C'erano terme maschili e femminili. 
Terme pubbliche: quelle del "Foro" e quelle "Stabiane", visitabili nella sola sezione maschile e caratterizzate dall'alternarsi d'ambienti a temperatura gradatamente crescente (frigidarium, tepidarium e calidarium).

Fornace che conteneva i carbone atto a alimentare l'aria calda che scorreva lungo le pareti e il pavimento.
L'impluvium della Casa del Fauno
La Casa del Fauno ha una superficie di circa tremila metri quadrati ed è così denominata per il ritrovamento di una statua in bronzo raffigurante un fauno, al centro dell'impluvium.  Ha due giardini con peristilio e due atri ed era decorata con affreschi in primo stile e pavimentata con mosaici.

Matrona romana
Specchio in Ossidiana
         Contatti  e info

Vi è piaciuto il mio racconto??

Pompei , una città moderna i cui cittadini si cristallizzarono nel 79 d.C, un luogo patrimonio dell'Unesco che invito a visitare al più presto.

Alla prossima escursione....ciao

You Might Also Like

sp2

guarda anche

spr 1

Recent Posts